Il Festival cresce
verso nuovi
orizzonti

La seconda edizione di FestivaLLibro è caratterizzata da molto entusiasmo, frutto del successo dello scorso anno, perché merita un'ulteriore risposta al desiderio di chi ci ha seguito e incoraggiato. Riuscire a suscitare la curiosità  della popolazione, dei giovani in particolare, coinvolgendo coloro che sul nostro territorio sanno creare indotto grazie alla cultura, resta la nostra divisa. Grazie alla preziosa collaborazione del professor Renato Martinoni, possiamo contare su una direzione artistica molto qualitativa. Come si vede dall'elenco delle adesioni la risposta degli editori è stata entusiastica: non era scontato. Questo ha facilitato la decisione del Municipio di Muralto di investire ulteriormente per elevare il livello qualitativo di FestivaLLibro. 

Sono previsti importanti cambiamenti nella logistica: oltre alla Sala dei Congressi, che è stata ulteriormente potenziata nelle sue strutture di proiezione con una tecnologia d'avanguardia (che servirà  pure al Locarno Film Festival), potremo contare su un adeguamento ad hoc della palestra per raccogliere il Salone del libro della Svizzera italiana, a cui si affianca in maniera più ampia, con l'accompagnamento di manifesti artistici, un Festival del libro per i bambini e i ragazzi. Con la disponibilità  del complesso scolastico, della Residenza San Vittore e del Cinema Rialto si realizza una sorta di "Cittadella del libro e del cinema", concentrata in un raggio a misura d'uomo.

Il Comitato organizzatore, composto dal professor Renato Martinoni (per la direzione artistica), Daniela Persico (per il Locarno Film Festival), Emilio Pozzi (coordinatore esecutivo) e Stefano Gilardi (presidente dell'Associazione Festivallibro), si è dato degli obiettivi precisi: incentivare l'interesse dei giovani e degli adulti verso i libri e l'interazione con il cinema, ma non solo: si vuole anche favorire l'intreccio con altre espressioni culturali. 

Citiamo la presenza di manifestazioni teatrali e di numerose altre forme d'arte. E ancora: le case editrici promuoveranno la presentazione delle loro pubblicazioni più recenti, con interessanti colloqui previsti presso la Residenza San Vittore. Con questa edizione, FestivaLLibro diventa un appuntamento fisso del calendario culturale della Svizzera italiana, che mira a essere aperto anche a chi deve ricorrere a mezzi ausiliari. Così quest'anno, oltre a tematizzare le migrazioni, ospitiamo un duplice appuntamento, lettura e concerto al buio, con Unitas, Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana.

In qualità  di Comitato organizzatore rivolgiamo un caloroso benvenuto a tutti coloro che parteciperanno ai numerosi e variegati appuntamenti condensati in questi quattro giorni con la speranza che essi rispondano agli interessi e alle curiosità  dei partecipanti.

/